Benvenuti nel mio Blog

La Spezia, Italy
Dottore Commercialista e Revisore Legale - Consulenza in materia amministrativa, condominiale,contabile e di bilancio, di contenzioso tributario, fiscale e revisione legale. Lo Studio dal dicembre 2012 è centro di raccolta dati per il CAF CGN

domenica 7 aprile 2013

Basket A2 Femminile - Bye Bye Carispezia Termo

TERMO ESCE MESTAMENTE NEI QUARTI DEI PLAY OFF PER SALIRE IN SERIE A1

Non riesce l'impresa alle ragazze guidate da coach De Santis di espugnare il Palasport di Via Cardito. Con questo risultato la Carispezia Termo esce prematuramente dalla corsa per la serie A1 a degna conclusione di un periodo che ha visto alternarsi sia al Palasprint che in trasferta delle prove molto opache da parte delle bianconere, campanelli d'allarme che forse non sono stati percepiti distintamente sia da dirigenza che da staff tecnico. E non si cerchi di trovare rifugio nella malasorte occorsa alla brava Valeria De Pretto per accampare giustificazioni all'eliminazione maturata quest'oggi, in quanto purtroppo il trend di forma psico-fisica era già evidente e pericolosamente in fase calante a partire dalla partita casalinga con Reggio Calabria del 10 marzo. Un peccato perchè un'altra stagione è stata buttata alle ortiche ed il rammarico è ancor maggior se si pensa che nonostante un tabellone ampiamente alla portata di Templari e compagne, non si è riusciti a raggiungere almeno quell'obiettivo di prestigio per il movimento cestistico spezzino ovvero vedere sfidarsi due formazioni cittadine nella finale per approdare in A1. Un plauso va doverosamente rivolto alla squadra di Ariano Irpino, guidata con maestria da Claudio Agresti un allenatore che ha confermato di essere un ottimo professionista nella gestione del gruppo il quale è riuscito apparentemente in poco tempo a colmare le evidenti lacune che la squadra campana aveva evidenziato nel corso della regular season (record stagionale di 10 vittorie e 14 sconfitte). Smaltita la delusione di questa sera Armani e Pagani dovranno rimboccarsi le maniche per programmare il futuro in questo momento di grave crisi economica. (Cristian Pietrini)

CARISPEZIA TERMO  ARRIVA L'EPILOGO INASPETTATO. K.O. AD ARIANO IRPINO

Delusione e amarezza in casa Carispezia Termo. Una stagione al vento, la quarta consecutiva. Ai nastri di partenza si puntava in alto, la corsa delle bianconere si ferma ai quarti di finale. Un k.o. inaspettato, meritato sul campo ma che non è la cartina tornasole della stagione. «Una squadra che penso non abbia meritato questo epilogo-commenta il gm Pagani – Avevamo fatto una bella stagione poi nell'ultimo mese un crollo totale dal punto di vista mentale. L'infortunio di De Pretto e la sua assenza hanno rotto gli equilibri. Sia chiaro una sconfitta meritata, Agresti e la sua Ariano Irpino tatticamente ci hanno ammazzato». La stagione della Carispezia Termo termina in un soleggiato pomeriggio di primavera ad Ariano Irpino. Dopo la sconfitta casalinga in gara 1 mercoledì scorso al Palasprint arriva anche il k.o. in esterno in terra campana per 57-49, il quarto k.o. nelle ultime cinque gare. La Carispezia Termo conduce fino all'intervallo, poi quando Ariano Irpino mette la testa avanti è finita, il crollo totale; solo capitan Templari vende cara la pelle. La difesa a zona unita a le tre lunghe in fase offensiva sono la chiave tattica che mette k.o. le spezzine che non riescono a reagire. Una sconfitta sotto tutti i punti di vista tecnico e mentale. «partiti bene, poi abbiamo iniziato a subire sopratutto le loro lunghe. Non abbiamo nessuna attenuante – commenta coach De Santis – Quando siamo andati sotto non abbiamo avuto alcuna reazione ad eccezione di Templari, ho visto poca roba soprattutto dalle lunghe. Penso che sia complicato vincere con una prestazione poco adeguata; siamo arrivate a fine stagione stanche mentalmente, la sconfitta di mercoledì in casa ci ha devastato». Dopo Vigarano, Alcamo e Orvieto quest'anno è la volta di Ariano Irpino, sconfitte nel finale di stagione che vanificano quanto fatto di buono per l'intero campionato. Amarezza e delusione con il pensiero che va al futuro anche se è difficile come ammette il gm Pagani:«La delusione è tanta, speravamo di fare la finale; è difficile pensare al futuro. Ripartire sarà più difficile che le altre volte, è una sconfitta che fa molto male, per lo meno per quanto mi riguarda. In questo periodo di crisi tutto è sempre più complicato, con il presidente Armani faremo il punto della situazione la prossima settimana». (Ufficio Stampa Carispezia Termo) 

Gruppo Lpa Ariano Irpino – Carispezia Termo 57-49 (8-16, 22-24, 41-36)
Ariano Irpino: Paparo 7 (1/3 1/1), Calandrelli n.e., Marciano (0/1 0/1), Aversano n.e., Albanese n.e., Ferazzoli (0/3), Maggi 5 (2/8 0/2), Grasso 9 (3/7), Micovic 19 (6/12 1/3), Narviciute 17 (5/11 2/3). All.Agresti. T2:17/45 T3:4/10 TL:11/24.
Carispezia Termo: Devoto n.e., Reke 14 (5/9 1/4), Templari 18 (0/1 6/10), Giorgi 2 (1/2), Russo 2 (1/1), Costa 5 (2/4 0/1), Tripalo (0/1), Zerella (0/3), Piastri n.e., Tava 8 (2/8 1/2). All.De Santis. T2:11/29 T3:8/17 TL:3/8. 
Arbitri: Damiano Capoziello e Marco Leggiero di Brindisi

Nessun commento:

Posta un commento