Benvenuti nel mio Blog

La Spezia, Italy
Dottore Commercialista e Revisore Legale - Consulenza in materia amministrativa, condominiale,contabile e di bilancio, di contenzioso tributario, fiscale e revisione legale. Lo Studio dal dicembre 2012 è centro di raccolta dati per il CAF CGN

giovedì 7 marzo 2013

Mostre: "Da De Chirico al Surrealismo"

"Da De Chirico al Surrealismo” al Camec 

Fonte: www.cittadellaspezia.com

“L’onnipotenza del Sogno, da De Chirico al Surrealismo”, è questo il titolo della mostra inaugurata al Centro di arte moderna e contemporanea della Spezia e allestita fino al primo di aprile.
Il CAMeC intende presentare una già proposta e riuscita formula espositiva, centrata sull'incontro e il dialogo fra le raccolte permanenti e autorevoli prestiti.
L’esposizione comprende oltre 50 opere provenienti da collezioni private e si conclude con un florilegio di dipinti di Giorgio De Chirico. Curata da Marzia Ratti e Eleonora Acerbi, l'esposizione si sviluppa attraverso opere - molte delle quali mai esposte prima d'ora - di alcuni dei più importanti artisti del Novecento: da Marcel Duchamp a Max Ernst, da René Magritte a Salvador Dalì, fino a Man Ray, di cui sono esposte due piccole foto (una è un autoritratto) posizionate al centro di una parete vuota.
Nell'ultima stanza, il clou della mostra: sette opere di Giorgio De Chirico provenienti dalla Gam di Palazzo Pitti a Firenze e da collezioni private. Ci sono tre delle famose Piazze d'Italia (datate 1916, 1957 e 1970), Il condottiero (1925), Composizione metafisica (1950-60). Inoltre, da metà dicembre è prevista l'aggiunta di un'ottava opera, L'Enigma della Partenza (1914), appartenente alla raccolta Magnani Rocca.
Da sottolineare che al secondo piano del museo di piazza Cesare Battisti è allestita anche mostra In Astratto - Arte astratta in Italia 1930-1980, la prima importante iniziativa del Crac, Centro Regionale per l'Arte Contemporanea della Liguria. Già ospitata alla Estrorick Collection di Londra durante le Olimpiadi, è curata da Matteo Fochessati e comprende una selezione di opere provenienti dalle tre maggiori istituzioni museali liguri dedicate all'arte contemporanea, con opere di Giuseppe Capogrossi, Emilio Scanavino e Emilio Vedova e l'arte concettuale di Lucio Fontana e Piero Manzoni, forse i due nomi più quotati della mostra.

Nessun commento:

Posta un commento